Parlare di libri e di cibo

Nome e cognome:
Fabio il Lettore Pendolare

Come ti possiamo raggiungere?
Per parlare di libri:
Blog www.librinviaggio.com
Facebook
E, da pochissimo, per parlare di cibo:
Blog: www.stagioninelpiatto.com
Facebook

Il tuo lavoro
Mi occupo di marketing online, controllo il traffico dei siti web e le campagne pubblicitarie relative

Pendolare da
Pendolare dal 2003, quando ho cominciato l’università. Faccio la tratta Varese-Milano per circa un’ora al giorno

Pendolare è bello o brutto?
Entrambe le cose si può dire?

Perché?
Bello, perché il treno è il mezzo di trasporto con più fascino, permette di vedere gente e di occupare il tempo di viaggio in altre faccende. Brutto, perché spesso il servizio è quello che è tra ritardi e viaggi in condizioni che chiamar disagiate è fare un complimento.

Viaggi solo o in compagnia? Perché?
Ho viaggiato sia solo che in compagnia: fino a qualche tempo fa un mio collega viaggiava con me, poi i lavori cambiano e ora sono in compagnia dei libri.

Nella mia carrozza ideale vorrei…
Riuscire a sedermi? Anzi, alle volte persino riuscire a respirare. Scherzi a parte, da lettore, qualche libro a disposizione dei passeggeri sarebbe un’idea carina.

La tua abitudine tipicamente da pendolare a cui non puoi rinunciare
Leggere e, lo ammetto, sbirciare gli altri pendolari. Alcuni li vedi così spesso che ti sembra di conoscerli.

Il tuo trucco segreto per non annoiarti troppo
Fortunatamente la mia tratta non è così lunga da rischiare di annoiarmi, ma un libro o al massimo quattro chiacchiere aiutano sempre.

Il libro che stai leggendo
“Signor Malaussène” di Daniel Pennac e lo leggo praticamente solo in treno.

La musica che ascolti
Vario, non ho una musica preferita, ma passo tranquillamente da Sia ai Cranberries agli Skunk Anansie a Enya: insomma (quasi) di tutto un po’. Però non la ascolto mai in treno.

Il tuo compagno di treno preferito/ideale
Una persona socievole con cui è bello scambiare qualche parola anche quando sei ancora mezzo addormentato.

La storia più bella/brutta che hai ascoltato in carrozza:
questa la passo, non saprei…

Il gadget da pendolare a cui non puoi rinunciare:
questa la passo, non saprei…

Schiscetta sì o no? E cosa, eventualmente?
Schiscetta sì: quello che riesco a preparare la sera prima, dalla pasta, all’insalata…alla parmigiana!

Il ritardo ‘epico’ vissuto nella tua vita da pendolare
Uno solo?! Beh, diciamo che il peggio è stato il mega caos di due o tre anni fa, a dicembre, quando Trenord ha cambiato il proprio sistema informatico che però non funzionava granché mandando così in tilt i turni e le ferie. Ho dovuto prendere la macchina e la metropolitana per quasi un mese e mezzo, ovviamente dopo aver pagato un abbonamento.

Un libro e una barretta di cioccolato

Nome e cognome
Lina Farage

Come ti possiamo raggiungere?
Facebook Lina Farage

Il tuo lavoro
Farage Cioccolato

Pendolare da
Pendolare da 2 anni. Prendo il treno in Brianza e scendo alla stazione Garibaldi a Milano. Sono circa 34 minuti di viaggio

pendolaresimo_2

Pendolare è bello o brutto?
E’ bello!

Perché?
Per molte ragioni:è veloce, non devo cercare parcheggio, evito multe, mi aiuta a muovermi di più.

Viaggi solo o in compagnia?
Sola

Nella mia carrozza ideale vorrei…
Pochi viaggiatori, tutti seduti e in silenzio.

La tua abitudine tipicamente da pendolare a cui non puoi rinunciare…
Un libro leggero in borsa e una barretta di cioccolato

Il tuo trucco segreto per non annoiarti troppo
Avere sempre qualcosa da leggere

pendolaresimo_1

Il libro che stai leggendo
Appena finito “Cuochi sull’orlo di una crisi di nervi”. Ridevo da sola

La musica che ascolti
Non ascolto mai la musica sul treno

Il tuo compagno di treno preferito/ideale
Non amo viaggiare in compagnia. Mi piace questa mezz’ora di beata solitudine. Spengo il cellulare e apro il libro, sperando di non avere vicini chiassosi attaccati al cellulare.

La storia più bella/brutta che hai ascoltato in carrozza
Una donna di circa trent’anni che diceva di essere disperata perchè era lunedì. Ma che per fortuna (secondo lei), valeva la pena perchè tornando a casa avrebbe potuto guardare l’ultima puntata di “Game of Thrones”.

Il gadget da pendolare a cui non puoi rinunciare
La pashmina in caso di condizionatore impazzito. Un piccolo ventaglio di legno se dovesse mancare il condizionatore. E spesso manca.

Schiscetta sì o no? E cosa, eventualmente?
Schiscetta proprio no, perchè lavoro in un ristorante. Ma la barretta di cioccolato c’è sempre, oltre alla bottiglietta d’acqua minerale.

Il ritardo ‘epico’ vissuto nella tua vita da pendolare
Per fortuna capita raramente.

Salva